SPICCHI DI TREVISO alla Fattoria del Sagittario con i Prosecco di Adami
Inviata da maurizio - 07/11/18

Le fermentate e i sapori di stagione del Sagittario incontrano il Prosecco plurale di Adami

Riuscitissimo incontro lunedì 5 novembre alla Fattoria del Sagittario in Piazza Tenente Segato di Poianella di Bressanvido (VI).

Quattro tranci di pizze gourmet (più una dolce al dessert), le fermentate con l'aggiunta di farina di mais a quella di grano,  alte, soffici e al tempo stesso croccanti, lievitate per oltre tre giorni col lievito madre e nel frattempo reimpastate, guarnite con ingredienti di stagione e del territorio, si sono sposate con altrettante declinazioni del Prosecco di Adami da Vidor di Valdobbiadene (TV).

Plurale appunto abbiamo definito quest'eccellenza dell'enologia veneta, perché sempre se stesso e sempre diverso, giocando volta a volta sui diversi terroir, le cosiddette rive del comprensorio di Valdobbiadene, e sul dosaggio degli zuccheri.

Da un Bosco di Gica Prosecco docg brut all'aperitivo, siamo così transitati a un Prosecco docg Sul Lievito, a un Prosecco Superiore docg Col Credas brut, a un Prosecco Superiore docg Dei Casei estra dry e ad un Prosecco Superiore docg Vigneto Giardino asciutto, fino ad un Prosecco Superiore docg Cartizze dry.

Tutti abbinamenti dei vini illlustrati dal figlio di Franco Adami, uno dei titolari dell'omonima azienda e curati dal sommelier professionista Luca Purelli e dal sommelier ed enogastronomo Maurizio Onorato di Selectus hanno funzionato alla grande come ha dimostrato il gradimento del pubblico.

Per la "storia" le fermentate sono state

  • Pelato e caciotta,
  • Burrata pugliese e crudo di Valdobbiadene,
  • Crema di carote, insalata di radichio, mela e noci, funghi champignon freschi e caciotta affumicata di Malga Serona
  • Crema di zucca, radicchio al forno, morlacco del Piave e lardo stagionato in grotta,

oltre alla dolce

  • Mousse di ricotta fresca, pere dolci e gocce di cioccolato.

Maurizio Onorato ha contrappuntato la serata illustrando le ragioni storiche e culturali dell'abbinamento della pizza, piatto mediterraneo per eccellenza, col vino e sulla storia e la tradizione della pizza con un aneddoto su Pappone, napoletano pizzaiolo di una Vicenza d'antan.

A Luca Purellli sono toccate le note conclusive e la chiamata in scena dei protagonisti dell'appuntamento in cucina e ai tavoli.


Come promesso agli ospiti dell'evento, cliccando sul titolo sarete rinviati a La pizza - scampoli di storia, in PDF, che potrete scaricare e stampare.


Le fotografie in bianco e nero dall'evento sono di Alessandro Lazzarin, fotografo in Lonigo (VI).

 

La tua mail